Las Vegas è una delle città che permette al viaggiatore di modulare le attività in base al mood e alla disponibilità di tempo: potenzialmente si può dedicare tutto il soggiorno al relax in piscina con i famosi pool party dei resort o si può scegliere di perdere la cognizione del tempo alla ricerca della Dea bendata alla roulette dei Casinò di Las Vegas. 

Per i più esigenti, però, abbiamo realizzato un piccolo sunto di alcune attrazioni che possono rompere gli schemi tradizionali di un viaggio a Las Vegas e offrire un punto di vista nuovo sulla città più grande del Nevada.

Partiamo dall’inizio: i Casinò.

Quali Casinò visitare?

Hai presente i grandi parchi divertimenti come Disneyland, Gardaland, Mirabilandia? Ecco, ogni Hotel & Casino di Vegas è più o meno una miniatura (neanche troppo mini) di un luna park per adulti.

In ogni struttura troverai un tema, declinato in modo maniacale con dovizia di particolari ed arricchiti da eventi, ricostruzioni, attrazioni uniche nel loro genere. Non di rado ti capiterà di pensare “Ma ‘sti tizi come hanno pensato di metter su una roba del genere?”.

Al netto delle considerazioni personali, ti ritroverai in un mondo nuovo ogni volta che varcherai la soglia di un hotel: avrai la possibilità di andare a New York passando da Camelot, fare un salto a Luxor o andare in gondola a Venezia, tutto questo senza mai lasciare il deserto degli Stati Uniti. Di seguito ti racconteremo di alcuni Hotel & Casino, quelli che, secondo noi, sono i più belli della città.

New York, New York!

Iniziamo dall’hotel che ci ha ospitato, il guardiano della Strip, l’unico, solo ed inimitabile New York, New York.

L’abbiamo amato. L’abbiamo anche odiato in alcuni momenti: ci sono così tante camere che per raggiungere la tua dall’ascensore potresti camminare anche per 4 o 5 minuti. Dobbiamo aggiungere altro?

high rise city buildings
New York New York Hotel & Casino, Las Vegas – Photo by David Guerrero on Pexels.com

Tutto ricorda New York da queste parti: l’hotel ripropone lo skyline in miniatura della Big Apple comprensivo di una riproduzione del ponte di Brooklyn. Niente di eccezionale, starai pensando, hanno solo ricostruito in scala alcuni grattacieli? Eeeeh no, non è solo questo.

Sul tetto della struttura c’è il The Big Apple Coaster & Arcade, un rollercoaster in hyper virtual reality. Chi l’ha inventato ha pensato di affibbiargli questo nome perchè “Figata megagalattica” sarebbe stato troppo autocelebrativo.

Ma non è tutto: al New York New York troverai Shake Shack, mitico fast food (non siamo sicuri di poterlo annoverare tra i fast food, è più simile ad un angolo di paradiso sulla terra) made in NYC. Non ne hai ancora abbastanza? Questo casinò ospita ogni sera la replica di Zumanity, meraviglioso spettacolo del Cirque du Soleil. Ah, quasi dimenticavamo il Coyote Ugly: se hai visto il film del 2000 con Piper Perabo saprai di cosa stiamo parlando.

Caesars Palace

Ave Cesare morituri te salutant!

Con questa formula i gladiatori si rivolgevano all’imperatore prima dei giochi. Al Caesars Palace potrai modificare la citazione in “Ave Caesar, paupertini te salutant!” (Ave Cesare, i poveri ti salutano!) perché non importa quanti soldi porterai con te, a Las Vegas li perdererai tutti.

I numeri del Caesars Palace sono da capogiro: 3349 stanze, 5 torri, suites da 100 m2, poco meno di 16000 m2 dedicati al gioco d’azzardo. È in assoluto uno dei più grandi casinò di Las Vegas. 

Interni del Caesars Palace, uno dei Casinò di Las Vegas
Hall del Caesars Palace, Las Vegas – Foto: Nato con lo zaino ©

Tutto in questo luogo magico ti farà pensare di aver oltrepassato uno stargate: ti guarderai attorno con gli occhi curiosi di un bambino e perderai ore tra i corridoi dell’hotel per apprezzarne le sfumature. È inutile specificare che avremmo voluto chiedere ai receptionist dell’hotel “Quel Cesare… Abitava qui?” come il peggiore Alan nel film “Una notte da Leoni”.

Una delle cose che più ci hanno colpito del Caesars sono i pavimenti: enormi lastre di marmo tirate a lucido uniscono The Colosseum ai vari altari presenti all’interno della struttura.

The Colosseum, ad esempio, è il teatro costruito per Celine Dion nel 2000, quando fu annunciato il suo show permanente a Las Vegas. Negli ultimi venti anni diversi artisti di fama internazionale si sono susseguiti sul palco del teatro: Elton John, Shania Twain, Cher e Mariah Carey.

La storia musicale del Caesars Palace però è ben più radicata nel tempo: ti dice nulla The Voice, l’unico ed indimenticato Frank Sinatra? Certo, ai tempi si disse che la presenza di uncle Frank dipendesse dai suoi legami con la mafia. Quello che rimane, però, è una delle sue performance migliori e vogliamo condividerla con te: goditi My Way al Caesars Palace.

Bellagio

Quando avrai percorso metà Strip verso nord troverai alla tua sinistra un angolo d’Italia (ma non l’unico): il Bellagio Hotel & Casino, massima espressione della grandezza delle strutture costruite nel bel mezzo del deserto.

Il Bellagio ha infranto tutti i record possibili: detiene il record di spesa per la costruzione di un hotel con 1,6 miliardi di dollari. Pensa che le Fontane del Bellagio, una delle attrazioni più importanti e famose nel mondo, sono costate 50 milioni di dollari. Non basta? Per la sola inaugurazione furono spesi 88 milioni di dollari: due spicci. 

Bellagio Hotel & Casino – Foto: Nato con lo zaino ©

Gli interni di questo sfarzoso hotel sono, a nostro avviso, i più raffinati dell’intera città: sembra davvero di passeggiare per le vie di un paesino sul lago di Como.

Non tralasciamo la leggenda: il Bellagio sorge sulle ceneri del Dunes, storico Casinò di Las Vegas, casa di artisti come Dean Martin, Judy Garland e, ovviamente, Frank Sinatra.

Se si parla di Bellagio non si possono ignorare gli spazi dedicati al gioco d’azzardo: 11000 m2 dedicati a blackjack, poker, roulette, slot machine e dadi. È attualmente una delle sale più importanti al mondo, tanto da ospitare spesso il World Poker Tour. Se ami il tavolo verde il Bellagio è casa tua.

The Venetian

Il 26 novembre 1996 tra le scintillanti luci della Strip si crea una zona d’ombra: il Sands, storico Hotel & Casino della città viene demolito. Si chiude un capitolo della storia di Sin City, il rinnovamento di Las Vegas inizia da qui. 

Al suo posto, nel 1999 viene inaugurato uno dei luoghi più controversi e spettacolari che l’uomo sia riuscito a creare: The Venetian.

Lo ammettiamo, è destabilizzante ritrovarsi in Piazza San Marco dopo una passeggiata di trenta minuti dalla (ricostruzione) Statua della Libertà. 

Esterni del Venetian, uno dei Casinò di Las Vegas
Esterni del Venetian, Las Vegas – Foto: Nato con lo zaino ©

Tutto qui è riprodotto alla perfezione: l’atmosfera, i ponti, i gondolieri. Tutto esattamente identico a Venezia. Il grado di attenzione al dettaglio è così alto che all’interno del Venetian anche il cielo è dipinto realisticamente.

Come spesso accade, però, la riproduzione non è ben vista dall’originale: per più di undici anni Venezia ha duramente attaccato l’Hotel & Casino di Las Vegas. Aspre critiche e boicottaggi sostenuti dalla borghesia veneziana e dai circoli culturali.

A nostro avviso, però, il Venetian di Las Vegas è un tributo ad una delle città più belle del mondo.

⬇️ Clicca qui per continuare a leggere ⬇️

One Reply to “Guida ai Casinò di Las Vegas”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *